Tradizionalmente, e in moltissimi casi che vediamo tutti i giorni, si pensa che le pompe dosatrici siano precise perché la teoria dice che lo spostamento della testa di una data pompa muove un dato volume in un dato intervallo, generando un precisio volume di erogazione. In pratica, però, una pompa non raggiungerà mai un livello elevato di precisione e deviazioni del 10-15% saranno perfettamente normali. Imprecisioni di questo tipo sono causate da una serie di condizioni di processo variabili, come:

  • Temperatura
  • Variazione di pressione
  • Presenza d’aria
  • Usura dei componenti

Ognuno di questi fattori può essere causa di un’imprecisione nel volume di spostamento previsto per il movimento della testa di una pompa. Se poi si moltiplicano tutti questi fattori, è facile intuire che esiste un altissimo numero di errori di misurazione che possono generare imprecisioni e incongruenze.

Cosa si può fare per ottenere una maggiore precisione?

Opzione 1) Inserire un misuratore di portata tra la pompa e il processo

Aggiungendo un misuratore di portata tra la pompa e il processo è possibile ottenere dal misuratore le informazioni necessarie a regolare la velocità della pompa. Tradizionalmente, questo processo viene gestito tramite un segnale di output analogico da 4….20 mA o similare proveniente dal misuratore di portata e diretto a un regolatore PID indipendente che confronta il segnale di flusso reale e il flusso desiderato. Dopodiché, il regolatore elettronico può regolare la velocità della pompa in modo da ottenere la dose o il flusso desiderato.

Utilizzando questa opzione è possibile mitigare i problemi derivanti dalla soluzione originaria creandone, però, degli altri:

  • Segnale di flusso lento dovuto al filtraggio del segnale nel regolatore PID
  • Risposta della pompa lenta causata dal relè di controllo
  • Maggiore complessità con componenti aggiuntivi
  • Tempi necessari a raggiungere un flusso costante prolungati
  • Costo aggiuntivo del misuratore e del regolatore PID

Opzione 2) Misurazione diretta della portata massica con misuratore di portata dotato di regolatore PID integrato

A questo punto è necessario parlare della seconda soluzione possibile, ovvero la misurazione diretta della portata massica mediante misuratore dotato di regolatore PID integrato in grado di regolare la pompa in modo da ottenere la dose o il flusso desiderato. Con questa soluzione non è necessario inserire la pompa nel sistema di controllo, ma è sufficiente fornire il set point richiesto al misuratore di portata massica, che provvederà a regolare la pompa in modo da raggiungere la dose o il flusso desiderato.

Questa soluzione offre numerosi vantaggi, tra cui:

  • Controllo diretto della portata massica del flusso
  • Dosaggio della portata massica indipendente da temperatura e pressione, contrariamente ai sistemi di dosaggio volumetrico, in cui viene utilizzata solo una pompa
  • Erogazione precisa e mitigazione dei normali problemi della pompa
  • Funzione di allarme in caso di flusso ridotto
  • Manutenzione preventiva basata sulla prestazione della pompa nel tempo
  • Misurazione costante del flusso basata su valori reali e non presunti
Misuratore di portata massica Coriolis in un sistema di dosaggio modulare

Questi vantaggi possono essere utilizzati in molte industrie diverse

In qualsiasi ambiente in cui il liquido sia erogato in un contenitore che richieda la garanzia di qualità, e comunemente il test di controllo della qualità venga eseguito su una piccola percentuale dei flaconi, per garantire la conformità generale.

Qualora sia necessario procedere al dosaggio di additivi, sostanze chimiche o liquidi miscelati, la capacità di controllare il flusso dell’additivo e conoscerne il valore può essere un enorme vantaggio per l’esito finale dell’applicazione.

Per qualsiasi informazione aggiuntiva contatta il nostro specialista di prodotto:

Roberto Fontanesi – roberto@precisionfluid.it – 0289159270

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here